martedì 16 dicembre 2014

SNAMI Bologna nelle parole del presidente della sezione e del responsabile regionale del settore emergenza Emilia Romagna difendono il diritto alla salute dei cittadini tanto quanto la dignità della professione medica.


 l Dott.ri Francesco Biavati e Roberto Pieralli diffidano l’Azienda sanitaria “ Non facciamo 
sconti sul rispetto della dignità di chi lavora e non intendiamo permettere ulteriori ipoteche sul futuro dei giovani. Il rispetto delle norme è principio irrinunciabile per chi amministra servizi sanitari pubblici.” 


 Segue il Comunicato stampa e diffida leggi …………….






Comunicato Stampa SNAMI Bologna ...leggi   SNAMI_Bologna diffida l'Azienda ....leggi

mercoledì 11 giugno 2014




FORTE PRESA DI POSIZIONE DELLO SNAMI

IL 118 REGALATO AI
PRIVATI ?
< NEANCHE PER SOGNO ! >

VITO D’ANGELO <CONTRASTEREMO DURAMENTE LA LOGICA DI CHI STA CERCANDO DI FAR CADERE NEL DIMENTICATOIO E RENDERE « DESAPARECIDA » L’EMERGENZA TERRITORIALE >.





 

domenica 18 maggio 2014

Rinnovo cariche consiglio Regionale SNAMI Sicilia



IIn data 17 Maggio 2014 lo S.N.A.M.I. Sicilia rinnova il consiglio Regionale Presenti tutte le sezioni e all'unanimità viene eletta la seguente composizione:

Esecutivo Regionale: 
   Presidente: Biondo Giuseppe
   Vice Presidente: Genovese Giovanni
   Segretario Organizzativo: Tarantino Natale
   Addetto Stampa: Campisi Giovanni
   Tesoriere: Randazzo Salvatore



Romagnosi Salvatore 
Brugaletta Concetta
Butera Domenico
Belfiore Alfonso  


Collegio dei Probiviri:
Arrigo Giuseppe 
D'Angelo Vito   
Cuscona Vincenzo
Zappia Antonio 
D'amico Giuseppe






Responsabili Settori:
Assistenza Primaria: Sofia Giacomo
Continuità Assistenziale: La Manna Giancarmelo
Emergenza Sanitaria Territoriale: Aloi Paolo





giovedì 10 aprile 2014

ACN: dimenticato il 118 nella bozza della Sisac


E il 118 ?

SEMPLICE  DIMENTICANZA ?


ROMA - Non piace al sindacato autonomo la bozza della SISAC propedeutica all'apertura delle trattative per il rinnovo della convenzione. «Non ci convince “in toto” - commenta Angelo Testa. - Nei prossimi giorni dopo il comitato centrale di Taormina in cui l'argomento è all'ordine del giorno prenderemo la nostra posizione ufficiale». Vito D'Angelo, responsabile nazionale del settore emergenza territoriale: «Sospettiamo una sorta di eutanasia dell’Emergenza Sanitaria Territoriale in un documento capestro che elimina definitivamente le tante decantate necessità di potenziamento del territorio con il medico vicino al cittadino. Il sistema dell’emergenza sanitaria territoriale “118” svolge un ruolo fondamentale nell’ambito del servizio sanitario pubblico, rispondendo da una parte all’immediato bisogno di assistenza sanitaria della popolazione dall’altra ponendosi come un importante filtro ai ricoveri ospedalieri. Da anni si sono affinati protocolli, linee guida, metodi di intervento. Siamo stati protagonisti di un cambiamento di procedura che prima era improntato al veloce trasporto in ospedale del paziente critico ad un sistema che vede la presa in carico totale del paziente, lo stabilizza e lo conduce al presidio ospedaliero più idoneo. Una integrazione di protocolli terapeutici tra territorio e ospedale con risultati eccellenti come soluzione di una delle più importanti variabili sulle quali si sono misurate le qualità dell’intero servizio sanitario». «Eppure nell'atto di indirizzo per i rinnovi dell'Acn mai si cita il 118 - conclude Angelo Testa -. Vedremo al tavolo delle trattative se è una semplice dimenticanza oppure è una tessera del puzzle di smobilitazione del territorio. Chiediamo comunque lumi da subito al Ministro Lorenzin».

venerdì 7 marzo 2014

Snami: «No a chiusure solo in base a calcoli di ragioneria!»


In un comunicato reso noto nella giornata di oggi, lo SNAMI Sicilia ribadisce l’assenza di progressi nella rimodulazione delle strutture territoriali di emergenza in linea con il nuovo Regolamento sugli standard Ospedalieri all’interno del Patto per la Salute, che prevede una attenta ed oculata ricognizione sul territorio regionale e il potenziamento dell’emergenza territoriale per garantire ai cittadini un’assistenza sanitaria pubblica accessibile, efficiente, efficace, di qualità e sicura.
«Occorre organizzare la rete dell’ Emergenza Urgenza, - dichiara Antonino Grillo, responsabile regionale dello SNAMI Sicilia per l'emergenza sanitaria territoriale - riqualificare i servizi socio-sanitari e offrire le giuste tutele in termini di tempestività e preparazione nel trattare le emergenze sul territorio, tenendo conto dell’effettivo bisogno di salute dei cittadini, in particolare di quelle condizioni di cronicità e fragilità che possono più facilmente degenerare in eventi drammatici. E’ altresì meritevole di attenzione particolare la sanità nelle aree geografiche disagiate, in cui è necessario estrapolare caratteristiche specifiche di assistenza».
«Tutto ciò potrà essere realizzato - prosegue - valutando i dati statistico-epidemiologici, effettuando un’attenta analisi della realtà oro geografica della nostra regione e una mappatura dei servizi esistenti».
«Questa sigla sindacale - conclude Grillo - dichiara ancora una volta la propria disponibilità ad incontrare le SS.LL. all’interno di un tavolo di lavoro, mettendo a disposizione l’esperienza e la competenza di chi quotidianamente si raffronta con le problematiche sanitarie del territorio, al fine di pianificare innovativi protocolli in tema “Emergenza Urgenza Territoriale” che siano legalmente perseguibili e che assicurino l’assistenza e l’omogenea distribuzione di tale servizio su tutto l’ambito siciliano, privilegiando l’assistenza del cittadino che vive in zone disagiate quali: isole, zone montane e lontane da PP.OO.»



Palermo 06.03.2014

martedì 18 febbraio 2014

Cessione del 5° adesso è possibile


Si è posto fine con  il chiarimento in Assessorato alla Salute sulla autorizzazione alla  cessino del quinto.
 A tale riguardo perviene  autorizzazione alle cessioni del quinto dello stipendio in favore dei medici di Continuità Assistenziale e dai medici addetti a l servizio di  Emergenza Sanitaria Territoriale.

lunedì 10 febbraio 2014

La Sezione SNAMI Trapani aderisce allo stato di agitazione.


La Sezione SNAMI Trapani aderisce a pieno alla campagna di protesta intrapresa nel’ultimo comitato centrale nazionale svoltosi a Roma il 14 Dicembre 2013 .  Si è svolta presso l’associazione Medici Chirurghi di Marsala il 4 febbraio l’ assemblea distrettuale dei medici di medicina generale della sezione SNAMI Trapani  a seguire  su tutti i distretti della provincia, presente una  reporter che intervista i presenti per riportare lo stato di agitazione sulla cronaca del Giornale di Sicilia.

 Il Presidente  Biagio Valenti illustra ai presenti le motivazione dello stato di agitazione e ne sottolinea l’importanza,  fornisce ai medici di medicina generale la locandina con su scritto “MEDICO NON SOSTITUIBILE “ da appendere negli ambulatori e presso le farmacie,  sottolinea che la protesta intrapresa dallo SNAMI  è a tutela degli assistiti, per rivendicare il proprio ruolo unico non sostituibile e vicino alle esigenze dell'utente. 

venerdì 7 febbraio 2014


Il presidente della sezione SNAMI Trapani dichiara : << Noi lo diciamo già da tempo, oggi è quello che andiamo ripetendo nelle assemblee distrettuali che già abbiamo iniziato ieri sera da Marsala e Trapani, ma proseguiremo presto nei restanti distretti sanitari .
P.S. leggete con attenzione quello che viene riportato nelle ultime righe dell'articolo sopracitato.

                      saluti  Biagio Valenti 

martedì 4 febbraio 2014

Comunicato SNAMI Emergenza Sanitaria

La Visione miope dei DD.AA. Elimina...... la figura dell'ausiliario nei Presidi Territoriali di Emergenza .... SNAMI Emergenza Contesta !!!!!!............
Leggi  L'ausiliario ...........

martedì 28 gennaio 2014

Info Emergenza 118: TG5 del 27-01-2014 - SNAMI - Giornata MMG non so...

Info Emergenza 118: TG5 del 27-01-2014 - SNAMI - Giornata MMG non so...:
I l rinnovo dell’accordo collettivo nazionale per la medicina generale potrebbe stravolgere il modo di lavorare del vostro Medico di Fiducia.

TG5 del 27-01-2014 - SNAMI - Giornata MMG non sostituibile


Il rinnovo dell’accordo collettivo nazionale per la medicina generale potrebbe stravolgere il modo di lavorare del vostro Medico di Fiducia costringendolo ad operare assieme ad altri medici possibilmente a voi sconosciuti, in una sede centralizzata, con turni variabili; E' la protesta intrapresa dallo SNAMI a tutela degli assistiti, per rivendicare il proprio ruolo unico non sostituibile vicino alle esigenze dell'utene.